Korral
Korral 

Here at Korral 26 we believe in healthy competition.

1a Gara 2012

2a Gara

3a Gara

4a Gara

5a Gara

6a Gara

1

MANCUSO F.

34,254

25

2

ZAZZARA F.

29,748

20

3

RISI  A.

26,611

15

4

CIERI M.

23,945

14

5

GIANGRECO N.

21,793

13

6

LOSI M.

21,148

12

7

NICOTRA D.

19,413

11

8

SANSO F.

18,045

10

9

NITTI R.

17,786

9

10

GABBIANI C.

17,347

8

11

VACCARINI C.

17,115

7

12

BOLDORINI A.

16,968

6

13

PIRAS S.

16,640

5

14

CARDINALE M.

16,631

4

15

VASILE S.

14,174

3

16

COLAVITTI F.

13,811

2

17

VISELLI

13,315

1

18

CARACCI C.

12,747

1

19

MATTEI M.

12,233

1

20

CAPPARELLA E.

12,218

1

21

FABBRI F.

12,066

1

22

GUARINI M.

11,452

1

23

MODENA S.

11,144

1

24

AMORE B.P. A.

11,078

1

25

MARINO G.

10,196

1

26

NERI E.

10,137

1

27

PRENCIPE M.

8,696

1

28

FRONZONI A.

8,654

1

29

ADDAMIANO E.

8,289

1

30

GENTILE F.

7,263

1

31

BORELLI P.

6,590

1

32

FALBO R.

5,616

1

33

ZOTTI P.

5,558

1

34

BASSI M.

5,518

1

35

MAGURNO S.

3,787

1

36

DICENZO P.

2,856

1





7a Gara 2012

8a Gara

 

ARMI CORTE

 

CATEGORIA LIBERA :


Tutte le armi con ottiche,compensatori e qualsiasi modifica atta a valorizzare la precisione ridimensionare il rinculo,tranne le specifiche menzionate in categoria standard.


CATEGORIA STANDARD:


Tutte le armi di serie a partire dal cal. 9 sono ammesse impugnature simili alla serie, tacche di mira regolabili e minigonne .


PICCOLO CALIBRO :


Tutte le armi di serie cal. 22 -6,35-7,65 le modifiche sono le stesse della categoria standard.


ROTATIVA :


Tutte le armi a rotazione di serie, le modifiche permesse sono uguali alla categoria standard.


FONDINE E ACCESSORI


La fondina deve ricoprire il grilletto dell'arma che ritiene.
Il vivo di volata dell'arma, inserita in fondina, deve puntare in basso entro la base di partenza. La fondina deve ritenere l'arma durante qualsiasi attività prevista dallo scenario.


MUNIZIONAMENTO LIBERO


L'ufficiale di campo può squalificare il tiratore che usa munizioni da lui ritenute pericolose.


SVOLGIMENTO GARA


Il tiratore si presenterà sul campo di gara con l'arma nell'apposita custodia; se dispone del porto di difesa o appartiene a corpi militarmente organizzati l'arma deve essere custodita nell'apposita fondina e potrà essere manipolata dal tiratore, solo in presenza dell'Ufficiale di campo.
Il tiratore si recherà dal personale predisposto alle pratiche amministrative, compilerà lo scarico delle cartucce, munendosi in quella fase dell'apposita scheda di gara, si recherà in uno scenario e il tempo a disposizione per ultimare gli scenari è per il giorno di Sabato dalle ore 08,30 alle ore 16,00 e per il giorno di Domenica dalle ore 08,30 alle ore 12,00.
Quando il tiratore si presenterà presso il primo scenario da lui scelto, dovrà avere l'arma nell'apposita custodia e la estrarrà ed inserirà nella fondina alla presenza dell'Ufficiale di campo. Il tiratore può scegliere la sequenza degli scenari previsti. Il tiratore che partecipa alla gara, può circolare nel campo di tiro con l'arma in fondina senza il caricatore inserito,soltanto dopo aver iniziato la gara.


ORDINATIVI DI GARA


Al tiratore, nel momento in cui accede nello scenario, verranno spiegati l'esecuzione e lo svolgimento dell'esercizio. Lo stesso si porterà quindi, nella base di partenza e dovrà ascoltare tutti gli ordinativi dell'Ufficiale di campo, senza prendere iniziative di alcun genere. Indosserà quindi la cuffia e gli occhiali necessari, come previsto per questo Sport, impugnerà l'arma, inserirà il caricatore, specificando se dovrà camerare una cartuccia, e riporrà l'arma in fondina.
Nelle rotative si introdurranno le cartucce in tutte le camere del tamburo.
Quando l'Ufficiale di campo chiederà: " SEI PRONTO? " se la risposta sarà positiva lo stesso continuerà " IN ATTESA ! ". A questo punto l'Ufficiale di campo azionerà il timer o il cronometro per il rilevamento del tempo. Al Segnale sonoro il tiratore estrarrà l'arma dalla fondina senza impegnare, con il vivo di volata, nessuna parte del suo corpo orientando l'arma verso il parapalle; assumerà quindi la posizione prevista dall'esercizio e lo svolgerà come spiegato in precedenza dall'Ufficiale di campo.
 
Il tiratore nel caso di un inceppamento, dovrà risolvere da solo l'inconveniente; se non riuscisse in questo, chiederà l'intervento dell'Ufficiale di campo, con le parole " INCIDENTE DI TIRO ", tenendo l'arma rivolta verso il parapalle.
Quando viene accertato dall'Ufficiale di campo e dall'Ufficiale di Gara, che l'arma presenta un malfunzionamento dovuto alle parti meccaniche della stessa, non risolvibili in quella sede, ma di cui necessita l'intervento di personale specializzato (armaiolo), lo scenario può essere ripetuto, con un'altra arma della stessa categoria. Non sono considerati malfunzionamenti quelli relativi al ciclo funzionale dell'arma, quando è determinato dall'inefficienza del munizionamento.
Terminato lo scenario, L'Ufficiale di campo darà l'ordinativo " TOGLI IL CARICATORE, ESEGUI IL DOPPIO CONTROLLO DI SICUREZZA, ABBATTI IL CANE ( questa operazione verrà effettuata con il vivo di volata rivolto verso il parapalle), RIPONI L'ARMA IN FONDINA, AI PUNTEGGI ".

L'Ufficiale di campo rileverà il punteggio, che sarà calcolato " RISULTATO DIVISO TEMPO " o come scritto nelle specifiche dello scenario. Lo annoterà sulla scheda di gara e archivierà la striscia di controllo. 
Al tiratore il compito di chiudere i buchi sulla sagoma.
E vietato l'ingresso di altri tiratori all'interno dello scenario, durante lo svolgimento della gara e durante il controllo del punteggio.
A questo punto il tiratore sarà libero di andare negli altri scenari.
Quando il tiratore avrà ultimato l'ultimo scenario, l'Ufficiale di campo farà scaricare e riporre l'arma nell'apposita custodia.

PENALITA'


E' vietato stare con un piede o entrambi fuori dalla base, sarà applicata una penalità per ogni colpo sparato in questa posizione.
E' obbligatorio togliere il dito dal grilletto durante gli spostamenti.
E' vietato sparare sui bersagli durante i trasferimenti.
Se il colpo sparato comporta pericolo verrà applicata la PENALITA' o la SQUALIFICA a discrezione dell'Ufficiale di campo.
Se si supera il numero di colpi imposti sul bersaglio oltre ad applicare la PENALITA' si detrae il punteggio maggiore.
Ogni colpo mancante sulla sagoma.
Se il caricatore cade a terra, quando nello scenario è invece previsto il recupero ( se non viene recuperato, lo scenario darà PUNTEGGIO 0 ).
IL piattello o piatto di ceramica, non colpito, quando viene specificato all'inizio dello scenario.
Ogni penalità comporta una detrazione di 10 punti sul punteggio del bersaglio.


SQUALIFICA


Se il tiratore non termina la gara entro il tempo previsto.
Se il tiratore perde la scheda di gara.
Se il tiratore manomette la scheda di gara.
Se il tiratore impugna o manipola le armi senza la presenza dell'Ufficiale di campo.
Se il tiratore rivolge il vivo di volata in direzione opposta al parapalle, verso il pubblico o, comunque, in direzione non giudicata sicura dall'Ufficiale di campo.
Caduta dell'arma durante l'esecuzione dell'esercizio.
Arma carica fuori dallo scenario.
Maneggio dell'arma fuori dai luoghi consentiti.
Spostamento durante l'esercizio con il dito sul grilletto (grave recidiva, a discrezione dell'Ufficiale di campo).
Sparo accidentale.
Munizioni ritenute pericolose.


PUNTEGGIO 0 (zero)


Se il tiratore esplode un colpo in più di quelli previsti su più di 2 sagome, lo scenario darà PUNTEGGIO 0 (zero).
Se l'esercizio prevede il cambio del caricatore, quest'ultimo si dovrà effettuare mentre si misura il tempo; quindi non prima di aver sparato il colpo, ne dopo aver sparato l'ultimo colpo , altrimenti lo scenario darà PUNTEGGIO 0 (zero).
Se il caricatore cade, a terra in uno scenario in cui è previsto il recupero, e non viene raccolto, lo scenario darà PUNTEGGIO 0 (zero).


CONTEGGIO PUNTI


Il conteggio dei punti verrà effettuato nel seguente modo: SOMMA NUMERICA DEI PUNTI OTTENUTI (le penalità verranno detratte in questa fase) DIVISO IL TEMPO IMPIEGATO PER ESEGUIRE L'ESERCIZIO. La cifra ottenuta, trascritta con 3 decimali, sarà il punteggio dell'esercizio. 
Il colpo che impatta sul bersaglio sulla linea di demarcazione, darà il risultato superiore.
La somma dei punteggi degli esercizi darà il punteggio di gara.


BERSAGLI

La sagoma è composta da un centro di colore nero con un numero chiaro, se colpito dà 30 punti; i restanti cerchi danno punteggi decrescenti di 10 - 8 - 6 - 2 punti.
A discrezione degli organizzatori si potranno utilizzare le sagome di cui sopra, ma tagliate a meta, e rivolte verso l'alto o verso il basso.

I piattelli di ceramica, se colpiti, daranno un punteggio che potrà variare nei vari scenari. Se non vengono colpiti, a seconda dello scenario può dare o non dare luogo a penalità.
Il piattello si intende colpito sia se solo sbeccato, sia se cade dal proprio sostegno. Lo stesso sarà tenuto sull'apposito sostengo da una striscia di nastro applicata sul retro


Commenti

Non sono ancora stati effettuati inserimenti.
Inserisci il codice
* Campi obbligatori

 Orari d'apertura

OTTOBRE 2017

Lunedi 16

08.30 - 16.00

----------------

Martedi 17

10.00- 13.00

13.00 - 17.00

-----------------

Mercoledi 18

Linee 1-6 prenotati mattina

09.00- 13.00

13.00 - 17.00

-----------------

Giovedi 19

Linee 1-6 prenotati mattina

09.00- 13.00 

13.00 - 17.00

----------------   Venerdi 20

Woodlands e 100mt Prenotati

mattina

08.45 - 13.00

13.00 - 17.00

-----------------

Sabato 14

08.45 - 17.00

-----------------

Domenica 15

08.45 - 13.00

-----------------

 

 

Sempre con noi.

Nostro TSN di fiducia

BBC News - World

Raqqa: IS 'capital' falls to US-backed Syrian forces (Tue, 17 Oct 2017)
A US-backed alliance says three years of jihadist rule in the northern Syrian city are over.
>> Continua a leggere

Rai.it > In Primo Piano

Schifani: Fini sbaglia, la legge 40 è una buona legge. Sacconi: per modifiche bastano linee guida (Fri, 03 Apr 2009)
>> Continua a leggere

Merck anticipa il taglio dell'orario di lavoro. "Il 2009 sarà difficile" (Fri, 03 Apr 2009)
>> Continua a leggere

Stampa Stampa | Mappa del sito
F.I.T.T.S, di Sergio Lazzarini, Via Plan dell' Olmo Roma